Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Cattedra Kolbiana
Scuola di Grafologia Seraphicum
F.I.A.T.S.

Rivista Miscellanea Francescana
Editrice Miscellanea Francescana

Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa

Auditorium
Cineforum

Borse di Studio e Donazioni
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
#SBi news: Fra Mauro Gambetti nuovo cardinale. Concistoro il 28 novembre
25 Ottobre 2020

Fra Mauro Gambetti, frate minore conventuale e Custode del Sacro Convento di Assisi, è tra i nuovi cardinali che saranno creati da papa Francesco il prossimo 28 novembre. La notizia è stata data dal Papa al termine dell’Angelus di questa mattina, invitando i fedeli a pregare per i nuovi Cardinali perché "confermando la loro adesione a Cristo, mi aiutino nel mio ministero di Vescovo di Roma per il bene di tutto il Santo Popolo fedele di Dio".

"Scherzi da Papa! - è stato il primo commento di fra Gambetti -. Accolgo con riconoscenza e gioia questa notizia in spirito di obbedienza alla Chiesa e di servizio all'umanità in un tempo così difficile per tutti noi. Affido a san Francesco il mio cammino e faccio mie le sue parole di fratellanza. Un dono che condividerò con tutti i figli di Dio in un percorso di amore e compassione verso il prossimo nostro fratello".

Fra Mauro Gambetti è nato il 27 ottobre 1965 a Castel San Pietro Terme (Bologna). Dopo la laurea in ingegneria meccanica presso l’Università di Bologna, nel settembre 1992 ha iniziato ufficialmente il suo cammino nell’Ordine dei Frati Minori Conventali di cui, dopo l’anno di noviziato, ha professato la vita e la regola, in modo temporaneo il 29 agosto 1995 e definitivamente il 20 settembre 1998.

Dopo il Baccalaureato in Teologia presso l’Istituto Teologico di Assisi, ha conseguito la Licenza in Antropologia Teologica presso la Facoltà Teologica dell’Italia Centrale di Firenze.

È stato ordinato presbitero l’8 gennaio 2000 a Longiano (Forlì-Cesena) dove, nel Convento del SS. Crocifisso, ha ricoperto l’incarico di animatore della pastorale giovanile e vocazionale per l’Emilia-Romagna e, dal 2005 al 2009, anche quello di responsabile e animatore della comunità religiosa (guardiano).

Nella primavera 2009 è stato eletto ministro provinciale della Provincia Bolognese di Sant’Antonio di Padova, ufficio ricoperto sino al 22 febbraio 2013, quando fu chiamato dal Ministro generale e dal suo Definitorio ad assumere il compito di Custode generale della Custodia Generale del Sacro Convento di San Francesco in Assisi per il quadriennio 2013-2017. Contestualmente il Vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino l’ha nominato Vicario episcopale per la pastorale della Basilica Papale di San Francesco e degli altri luoghi di culto retti dai Frati Minori Conventuali.

Riconfermato come Custode generale per il quadriennio 2017-2021, è stato eletto Presidente della Federazione Intermediterranea dei Ministri provinciali dei Frati Minori Conventuali nel settembre 2017.

Assieme a fra Mauro Gambetti, entreranno nel collegio cardinalizio mons. Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi; mons. Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi; mons. Antoine Kambanda, Arcivescovo di Kigali (Ruanda); mons. Wilton D. Gregory, Arcivescovo di Washington; mons. Jose F. Advincula, Arcivescovo di Capiz (Filippine); mons. Celestino Aós Braco, OFMCap,  Arcivescovo di Santiago de Chile; mons. Cornelius Sim, Vescovo titolare di Puzia di Numidia e Vicario Apostolico di Brunei; mons. Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo di Siena-Colle Val d’Elsa-Montalcino; mons. Felipe Arizmendi Esquivel, Vescovo Emerito di San Cristobal de las Casas (Messico); mons. Silvano M. Tomasi, Arcivescovo Titolare di Asolo, Nunzio Apostolico; P. Raniero Cantalamessa, OFMCap, Predicatore della Casa Pontificia; mons. Enrico Feroci, Parroco a Santa Maria del Divino Amore a Castel di Leva.

A fra Mauro Gambetti le congratulazioni, la preghiera e il fraterno abbraccio della Pontificia Facoltà Teologica "San Bonaventura" e della Comunità religiosa del Seraphicum.



fonte: Seraphicum Press Office