Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Grafologia pastorale

Rivista Miscellanea Francescana
Editrice Miscellanea Francescana

Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa

Auditorium
Cineforum

Borse di Studio e Donazioni
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
La vocazione alla giustizia del PM Lina Trovato
18 Novembre 2019

Leggi qui l’articolo integrale (a pag. 30)

Tra i tanti volti della vocazione, c’è quello alla giustizia. È a questo che fra Roberto Liggeri, dedica una uscita della sua rubrica “Accenti vocazionali” su San Bonaventura informa, proponendoci la conversazione con il Sostituto Procuratore Lina Trovato, della Procura di Catania, specializzata nelle indagini contro la tratta degli esseri umani.

«Fin dall’antichità l’uomo ha avvertito il bisogno di giustizia nelle proprie comunità, Sofocle nell’Antigone affronta il difficile rapporto tra il profondo senso di giustizia scritto dagli dei nell’animo umano e le leggi della polis. Nel De Civitate Dei, Sant’ Agostino scrive che "se non è rispettata la giustizia, che cosa sono gli Stati se non delle grandi bande di ladri?".

Per conoscere un’esperienza diretta di questa vocazione alla giustizia contatto la Procura di Catania per parlare con il Sostituto Procuratore Lina Trovato, specializzata nelle indagini contro la tratta di esseri umani. Mi parla della sua esperienza in modo aperto, non nascondendo il bisogno di riservatezza.

È proprio lei a sottolineare che la magistratura non cerca il consenso, spera solo nella fiducia dei cittadini. Il magistrato parla attraverso i provvedimenti, perché “la magistratura deve essere forte e riservata” per garantire una giustizia che non può darsi se prevalgono le emozioni o la ricerca dell’applauso. […]

Negli ultimi anni l’attività della PM Trovato si è specializzata nei casi di ragazze, principalmente nigeriane, vittime di tratta e costrette alla prostituzione. Solitamente sono ragazze molto giovani, in genere sui 16 anni, cui viene pagato il viaggio in Europa senza sapere che dovranno prostituirsi. Plagiate attraverso un rito magico, sono costrette a lavorare sulla strada per saldare il debito alle madame, vere e proprie padrone.

Per affrontare un fenomeno così articolato la Procura di Catania ha sviluppato un sistema complesso di indagini, voluto dall’attuale procuratore Carmelo Zuccaro. Tutti i fascicoli della materia sono stati affidati allo stesso PM affinché lavori in sinergia con una serie di soggetti, coinvolgendo la società civile e il mondo del volontariato». (R.L.)


Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale.


fonte: Seraphicum Press Office