Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa
Editrice MF
Auditorium
Cineforum
Borse di Studio e Donazioni
CATTEDRE E ISTITUTI
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Mulieris Dignitatem
Grafologia pastorale
Academia Bessarionis
Cattedra di dialogo
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
L'attualità di Paolo VI
05 Giugno 2017

Qual è l’attualità dell’enciclica Populorum progressio di Paolo VI, di cui quest’anno ricorre il cinquantenario della pubblicazione? A proporre una attenta lettura del documento, nei suoi aspetti sociali, è fra Domenico Paoletti, docente di Teologia fondamentale e vicario della Custodia del Sacro Convento di Assisi.

“Se nell’Ottocento i documenti ufficiali del magistero sociale della Chiesa arrivarono in ritardo rispetto al Manifesto di Karl Marx - si legge in San Bonaventura informa - , non così è stato nell’ultimo mezzo secolo, grazie all’impulso dato da papa Paolo VI nell’affrontare i problemi legati allo sviluppo.

Uno dei principali messaggi dell’enciclica, anzi il messaggio di fondo, è che lo sviluppo (ma nel testo latino la parola progressio è molto più efficace) non può ridursi alla semplice crescita economica, ma deve coinvolgere armonicamente tutte le dimensioni umane: deve essere integrale e aperto alla Trascendenza, «volto alla promozione di ogni uomo e di tutto l’uomo (…).

Non accettiamo di separare l’economico dall’umano, lo sviluppo dalla civiltà dove si inserisce. Ciò che conta per noi è l’uomo, ogni uomo, ogni gruppo d’uomini, fino a comprendere l’umanità intera» (n.14).
Il sogno e il disegno di Paolo VI è quello di dare allo sviluppo un’anima umana e una prospettiva eterna. «È un umanesimo plenario che occorre promuovere. (…)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 8)
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale


fonte: Seraphicum Press Office