Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa
Editrice MF
Auditorium
Cineforum
Borse di Studio e Donazioni
CATTEDRE E ISTITUTI
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Mulieris Dignitatem
Grafologia pastorale
Academia Bessarionis
Cattedra di dialogo
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
Giovani e fede: verso il Sinodo del 2018
03 Febbraio 2017

“Discernimento vocazionale: uno sguardo al soggetto” è il tema dell’articolo con il quale San Bonaventura informa comincia ad affrontare il tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” che sarà oggetto del prossimo sinodo dei vescovi, in programma nell’ottobre del 2018.

Ad introdurre questo argomento è fra Francesco Ravaioli, frate minore conventuale, impegnato nella pastorale giovanile, nell’accompagnamento vocazionale nella Provincia del Nord Italia e nella pastorale universitaria di Parma.

“Gli interrogativi sul discernimento vocazionale – scrive nella rubrica 'Ecclesia' di SBi - non risulteranno del tutto nuovi nell’aula sinodale. I vescovi si sono già occupati di vocazioni specifiche: vita consacrata (1994), sacerdozio (1971 e 1990), matrimonio e famiglia (1980, 2014 e 2015), laicato (1987). Ma per la prima volta lo faranno guardando anzitutto al soggetto - il giovane - e non allo stato di vita.

Adottare questa ottica significa allargare la prospettiva teologica (vocazione, stato di vita) a tener conto di altre attenzioni antropologiche (il soggetto, i giovani): per integrare la vita concreta e storica del giovane con le mediazioni spirituali ed ecclesiali che lo conducono ad una scelta di vita in cui Cristo è al centro. Questo dialogo interdisciplinare è oramai entrato nella prassi del discernimento e della formazione di molti percorsi verso la vita religiosa e sacerdotale”. (F.R.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 5)

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale


fonte: Seraphicum Press Office