Baccalaureato Licenza Dottorato Biblioteca Contatti Segreteria
Storia della Facoltà
Informazioni Generali
Autorità Accademiche
Collegio dei Professori
Calendario delle Lezioni
Ufficio Stampa
San Bonaventura Informa
Editrice MF
Auditorium
Cineforum
Borse di Studio e Donazioni
CATTEDRE E ISTITUTI
Cattedra Kolbiana
F.I.A.T.S.
Mulieris Dignitatem
Grafologia pastorale
Academia Bessarionis
Cattedra di dialogo
AREA RISERVATA
home \ news
NEWS
Convegno sull'Africa tra passato e futuro
14 Novembre 2016

“Per il rinascimento africano: Africa tra passato e futuro” è il tema del convegno che si è svolto venerdì pomeriggio al Seraphicum, promosso dal Centro Studi e formazione Europa 2010 con il patrocinio della Facoltà.

Un appuntamento che, tradizionalmente, segna il passaggio tra il vecchio anno accademico e l’apertura del nuovo per il Master universitario di II livello in "Peace building management – Per costruire la pace nel mondo".

Il convegno, aperto dalla Presidente di Europa 2010, Rachele Schettini, ha avuto il saluto iniziale del vice preside della Facoltà fra Germano Scaglioni, le conclusioni di fra Orlando Todisco, docente di Filosofia francescana e la partecipazione del Preside fra Dinh Anh Nhue Nguyen che ha consegnato i titoli finali ai partecipanti al master.

“Il tema del Rinascimento africano – ha sottolineato il vice preside, fra Scaglioni – è un’ottima prospettiva perché ci porta a rivedere molti luoghi comuni che abbiamo ereditato sull’Africa. Il mondo cambia molto rapidamente e questo vale soprattutto per un continente giovane e al tempo stesso antico come l’Africa.

San Francesco, all’inizio della sua avventura umana e spirituale, ci ha fatto capire che in primo luogo abbiamo bisogno di cambiare il nostro sguardo. San Francesco non ha abitato in un mondo diverso da quello che abitava prima della sua conversione, semplicemente ha guardato la realtà con un occhio completamente differente.

E questo viene chiesto anche a ciascuno di noi: guardare alle cose del mondo con uno sguardo nuovo, illuminato, superando schemi ereditati dal passato. Le situazioni stanno cambiando e tocca a noi governare questo cambiamento. Possiamo farlo in modo intelligente, sapiente e soprattutto fondandolo su un lavoro di ricerca approfondito, accurato e illuminato”.


fonte: Seraphicum Press Office