CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
L'Istituto degli Innocenti di Firenze
03 Luglio 2017

Il Focus del mese di San Bonaventura informa, centrato sulla tutela dell’infanzia, ha preso in esame due aspetti del tema: l’emergenza educativa avvertita a seguito dei casi di pedofilia in ambiente religioso e la tutela dei più piccoli attraverso un’eccellenza del nostro Paese.

Infatti, c’è un Istituto, a Firenze, che da ben sei secoli opera a tutela dell’infanzia. Storia e linee principali della sua intensa attività sono raccontati da Maria Grazia Giuffrida, presidente dell’Istituto degli Innocenti.

“La finestra ferrata sotto il loggiato progettato da Filippo Brunelleschi ricorda da sempre alla città il passato di accoglienza e assistenza ai bambini che qui venivano lasciati. La tutela all’infanzia fa parte della storia, lunga sei secoli, dell’Istituto degli Innocenti, ma è anche il cuore del suo presente, delle sue attività assistenziali, dei suoi servizi educativi, dei percorsi di formazione gestiti assieme a Università e centri di ricerca e delle attività culturali che vengono portate avanti all’interno del 'luogo dei fanciulli'.

L’Istituto degli Innocenti ha tutt’oggi sede in piazza della Santissima Annunziata nel pulcherrimum haedificium realizzato dal Brunelleschi (grazie al lascito testamentario di un mercante pratese Francesco Datini) che è stato il primo esempio di architettura rinascimentale, simbolo di quella concezione che voleva che bellezza e cultura fossero messe al servizio della funzione sociale dell’Istituto. […]

Qui i ragazzi sperimentano varie tecniche artistiche, partono alla scoperta di Firenze e delle sue meraviglie, scoprono la storia dell’infanzia trascorsa agli Innocenti e imparano anche a raccontare attraverso i media.

Da tempo infatti l’Istituto è impegnato in esperienze educative, condotte con il coinvolgimento di insegnanti e famiglie, per promuovere l’uso consapevole e responsabile dei media, imprescindibili strumenti oggi di partecipazione e cittadinanza”. (M.G.G.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 4)
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale


fonte: Seraphicum Press Office