CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Tra le pagine di Raymond Carver
25 Maggio 2017

Chi ha usato questo letto di Raymond Carver è il testo di cui parla fra Emanuele Rimoli, docente di Antropologia teologica, in San Bonaventura informa.

Con la raccolta Chi ha usato questo letto, pubblicata poco prima della sua morte (1988), Raymond Carver aveva ormai raggiunto la maturità di «uno scrittore che ha una maniera particolare di guardare le cose e riesce a dare espressione artistica a quella sua maniera di guardare le cose».

Scrittore istintivo e poco disposto alla vastità del romanzo, non credeva alla lunga progettazione della narrazione; i suoi racconti, infatti, nascevano spesso da frasi ascoltate per caso o da situazioni ordinarie colte con occhio fotografico (Spadaro).

Dopo la prima istintiva stesura, il testo veniva meticolosamente asciugato da qualsiasi elemento inutile per cercare la parola esatta, strumento per un’esplorazione attenta e compassionevole della condizione umana.

«Può darsi che io corregga perché così facendo mi avvicino pian piano al cuore dell’argomento del racconto. Sento di doverlo continuamente tentare di scoprirlo. È un processo, non una posizione stabile» (Carver). (E.R.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 22)
Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale



fonte: Seraphicum Press Office