ACCOGLIENZA CONTATTI FOTOGALLERY RICERCA
NEWS
torna alla home
Il Verbo l’artista del Padre nell’ottica di san Bonaventura
15 Marzo 2017

All’indomani della festa della Facoltà, dedicata a san Bonaventura, proponiamo l’articolo “Il Verbo l’artista del Padre nell’ottica di san Bonaventura”, di fra Orlando Todisco, pubblicato nell’ultimo numero del mensile San Bonaventura informa,nella rubrica per l’ottavo centenario della nascita del Dottore serafico, patrono della Facoltà.

“Se lo scienziato scopre ciò che si dà, l’artista inventa ciò che non c’è; se lo scienziato mette in luce ciò che prima era in ombra o nascosto o solo potenzialmente presente, l’artista crea un mondo o dischiude nuovi mondi nel mondo, invitandoci ad ammirare ciò che in quanto tale comincia a essere da quando l’artista intraprende la sua creazione. Tra le molte motivazioni che ci spingono a privilegiare l’immagine di artista, conta in particolare l’autonomia dell’atto creativo.

L’artista non segue una normativa. Egli inventa la regola nel mentre dà spazio al suo gesto creativo. È il tema della formatività (Pareyson), nel senso che l’artista nel fare inventa anche il modo di fare.
Facendo spunta ciò che non c’era non solo per quanto concerne il contenuto ma anche la forma che assume, nel senso che l’una nasce assieme all’altra.

L’arte è un arduo processo formativo, al punto da sorprendere lo stesso artista, il quale, ammirando la sua opera, è indotto a esclamare: valde bonum!” (OT)



Leggi qui l’articolo integrale (pag. 12)

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale


fonte: Seraphicum Press Office