ACCOGLIENZA CONTATTI FOTOGALLERY RICERCA
NEWS
torna alla home
La “grazia del lavoro” in san Francesco
03 Marzo 2017

La “grazia del lavoro”, il significato in san Francesco e le sue finalità è il tema trattato nella rubrica “Dottrina sociale della Chiesa” di San Bonaventura informa.

Il professor Oreste Bazzichi, docente di Filosofia sociale ed etico-economica al Seraphicum, ricostruisce il rapporto di san Francesco e dei suoi frati con il lavoro, fornendo anche una bibliografia per quanti interessati ad approfondire questo argomento di grande attualità.

Quei frati ai quali il Signore ha concesso la grazia di lavorare, lavorino con fedeltà e devozione (Regula bullata del 1223, cap. V, 1). Come abbiamo visto nel precedente articolo (San Bonaventura informa, n.48), san Francesco aveva affrontato il tema del lavoro in modo più dettagliato due anni prima, scrivendo: E i frati che sanno lavorare, lavorino ed esercitino quella stessa arte lavorativa che già conoscono, se non sarà contraria alla salute dell’anima e potrà essere esercitata onestamente (Regula non bullata del 1221, cap.VII, 3).

Con questi due iniziali comandi di carattere pratico, egli ha modellato fin dalle origini l’attività interna del suo movimento, suscitando sia in sede teorica, sia in campo operativo una ricaduta sociopastorale-spirituale ed economica nel lungo corso dei secoli della nostra civiltà.

Francesco ed i suoi frati, constatando e vivendo la degradante condizione di tanti, di troppi uomini del loro tempo, compresero il valore dell’acquisizione di una 'professione' espletata con cura a vantaggio personale e della condizione sociale di tutti”. (O.B.)


Leggi qui l’articolo integrale (pag. 5)

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese, in formato digitale


fonte: Seraphicum Press Office