CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
Appuntamento con la Sveglia francescana
16 Dicembre 2016

Torna per le vie di Roma, nel pomeriggio di domenica (18 dicembre), la Sveglia francescana il gruppo di evangelizzazione di strada dei frati minori conventuali, studenti del Seraphicum.

Dopo una prima uscita, il 23 ottobre a Roma e il 26 e 27 novembre a Lanciano (Ch), il gruppo darà vita alla tradizionale uscita prenatalizia nella capitale.

L’appuntamento è nella centralissima via del Corso: alle ore 15.30 la preghiera nella chiesa di San Marcello al Corso e dalle 16, nella piazzetta antistante, l’evangelizzazione di strada.

Lo stile è quello solito della Sveglia Francescana che tanto seguito ed entusiasmo trova in ogni uscita pubblica: una proposta di fede portata a tutti con gioia, attraverso musica, canti, balli, sino all’invito a un rapporto più “stretto” con Cristo, mediante momenti di adorazione eucaristica, confessione, preghiera.

“Condivideremo la gioia per la nascita del nostro Salvatore con canti e musiche di Natale - spiega fra Christopher Dudek – e naturalmente sarà possibile incontrare Gesù nella chiesa di San Marcello al Corso tramite l’adorazione del Santissimo Sacramento e il sacramento della riconciliazione.

Sarà la nostra ultima evangelizzazione per questo anno che, puntualmente, ha segnato anche un passaggio e un rinnovamento nel gruppo. Mentre diversi frati della Sveglia francescana hanno finito i loro studi e sono adesso impegnati nei nuovi ministeri in ogni parte del mondo, quest'anno Dio ha benedetto il nostro gruppo con molti nuovi frati provenienti da numerosi Paesi tra i quali la Romania, il Venezuela, lo Zambia e ovviamente l'Italia, solo per citarne alcuni. Dio ci ha dato tante benedizioni e non vediamo l'ora di vedere ciò che ha in serbo per noi in futuro! Via aspettiamo domenica e pregate per noi!”.

La Sveglia Francescana, inoltre, dà appuntamento tutte le settimane con la rubrica Fedebook: un video, breve e incisivo, on line ogni sabato su Facebook, e YouTube a commento del Vangelo della domenica.



fonte: Seraphicum Press Office