CONTATTI RICERCA FOTOGALLERY DONAZIONI
NEWS
torna alla home
La faticosa ricostruzione della speranza
11 Ottobre 2016

Cosa accade quando, all’improvviso, si perde tutto quanto costruito in una vita, ad esempio a seguito di una calamità naturale? Come ricostruire la speranza, come ricreare punti di riferimento stabili e necessari a far percepire quel calore umano e quelle certezze necessarie a riprendere il proprio cammino di vita?

San Bonaventura informa propone, nel Focus di questo mese, un articolo dal titolo “La faticosa ricostruzione della speranza nelle zone colpite da una calamità”, a firma di Lorenzo Alessandrini del Dipartimento nazionale della Protezione civile.

“La sollecitudine – scrive Alessandrini - deve essere il nostro tratto caratteristico: con Paolo VI potremmo dire che la nostra ambizione è riuscire ad essere una delle infinite possibilità di prolungamento della sollecitudine mariana, che sempre interviene di fronte ai bisogni dell’umanità, uno dei tanti modi di manifestarsi della carità e dell’amore. […]

Non vi è chi non veda come in questa fase di inquieto passaggio dell’umanità colpita attraverso un portale fatto di dolori e incertezze, di bisogno estremo di un gesto generoso e gratuito, di piccoli e grandi ferite non solo fisiche che occorre medicare, si possa intravvedere il messaggio della Misericordia giubilare, momento benedetto nel quale si sperimenta l’amore di Dio che consola, perdona e dona speranza attraverso la dolcezza di una mano amica tesa verso chi soffre”. (L.A.)


Leggi qui l'articolo (pag.3)

Clicca qui per ricevere San Bonaventura informa, gratuitamente ogni mese


fonte: Seraphicum Press Office